Private (Italia, 2004)

12:57 Marco 0 Comments

Altri titoli
-----

Durata: 90 min.
Colore: colore
Audio: sonoro
Genere: drammatico
Regia: Saverio Costanzo
Aiuto Regia: Monica Ricci
Soggetto: Saverio Costanzo, Camilla Costanzo, Alessio Cremonini, Sayed Oashua
Sceneggiatura: Saverio Costanzo, Camilla Costanzo, Alessio Cremonini, Sayed Oashua
Fotografia: Luigi Martinucci
Scenografia: Ludovica Amati, Einat Fadida
Montaggio: Francesca Calvelli
Musiche: Alter Ego
Costumi: Ludovica Amati, Einat Fadida
Effetti Speciali: Fabrizio Pistone, Andrea Tubili
Produzione: Mario Gianani (Istituto Luce, Offside, Cydonia, Rai Cinema)
Distribuzione: Istituto Luce
Cast: Lior Miller (il comandante Ofer), Hend Ayoub (Mariam B.), Mohammed Bakri (Mohammad B.), Tomer Russo (Private Eial), Arin Omary (Samiah B.), Marco Alsaying (Jamal B.), Sara Hamzeh (Sarah B.), Amir Hasayen (Amir B.), Niv Shafir (Private Dan), Sahar Lachmy (Private Ariel)

Premi e Riconoscimenti: David di Donatello 2005 a Saverio Costanzo per miglior regista esordiente; Premio al Buenos Aires International Festival of Indipendent Cinema 2005 per miglior attore a Mohammed Bakri; Nastro d'Argento 2005 a Saverio Costanzo per il migliore regista esordiente; 3 Premi al Festival di Locarno 2004; Premio FIPRESCI al San Francisco International Film Festival 2005; Silver Spike al Valladolid International Film Festival 2004
Votazioni della Critica: Morandini (**½), Farinotti (?)
Incassi al botteghino: € 323.000

Location: Riace (RC)

Sinossi
-----------

Critica
« ...il film riesce ad accendere il nervo di una suspense che preme le dita sul conflitto mediorientale per farlo albergare su un pianerottolo più universale. E gli scossoni d’immagine in stile simil-dogma non possono che remare nella stessa direzione. Riprendendo i corpi da una distanza ravvicinata, la camera digitale di Costanzo si fa matita visiva, schiaffeggia l’aria viziosa della casa, sbatte contro le pareti, fruga e si sporca nelle sgranature emotive che vanno a rincorrere i respiri dei protagonisti. Sì, Private è proprio un bel film e non ci stupirebbe se ce lo ritrovassimo da qualche parte in zona-Pardo ».
Lorenzo Buccella, l'Unità 13/08/2004 ©

Voce alle Maestranze
« Per quel che mi riguarda quei personaggi potrebbero essere italiani durante l’occupazione tedesca, francesi, indiani: non importa. Non intendevo esprimere un punto di vista politico, né fare un film verità; e penso che l’aver dovuto girare in Calabria, presso Riace - nei luoghi veri sarebbe stato impossibile - in questo senso mi ha aiutato. Sul set c’era comunque un clima di tensione. Si sono create situazioni da psicodramma, a volte gli attori hanno finito per dirigersi da soli. Ho fatto sequenze lunghe otto-dieci minuti, senza tanto badare alla forma, per lasciare libero il flusso delle emozioni ».
Saverio Costanzo, il regista del film

Curiosità
------------

Galleria Fotografica

0 commenti: