La rivincita di Natale (Italia, 2004)

17:21 Marco 0 Comments

Altri titoli
Hristougenniatiki Revanche (Grecia - Tv)
Christmas Rematch (International)

Durata: 99 min.
Colore: colore
Audio: sonoro
Genere: drammatico
Regia: Pupi Avati
Soggetto: Pupi Avati
Sceneggiatura: Pupi Avati
Fotografia: Pasquale Rachini
Scenografia: Simona Migliotti
Montaggio: Amedeo Salfa
Musiche: Riz Ortolani
Costumi: Stefania Consaga, Maria Fassari
Effetti Speciali: Corridori G. & A. Cinematografica
Produzione: Antonio Avati (Duea Film in collaborazione con Medusa Film)
Distribuzione: Medusa Film
Cast: Diego Abatantuono (Franco Mattioli), Gianni Cavina (Ugo Cavara), Carlo Delle Piane (l'avvocato Santelia), George Eastman (Stefano Bertoni), Alessandro Haber (Gabriele Bagnoli), Nino Fuscagni, Eliana Miglio, Vanessa Gallipoli, Petra Khruz, Valentino Macchi, Osvaldo Ruggieri, Augusto Zucchi, Salvatore Billa, Paolo Fiorino

Premi e Riconoscimenti: 1 David di Donatello 2004 per la miglior regia a Pupi Avati
Votazioni della Critica: Morandini (***), Farinotti (?)
Incassi al botteghino: € 443.000

Location: Lamezia Terme (CZ), Crotone

Sinossi
------------

Critica
« Barare al gioco, a ogni tipo di gioco, è ormai un esercizio nazionale praticato da troppi; ne La rivincita di Natale di Pupi Avati barano tutti, e questa analogia dà al film un tocco contemporaneo d’Italia. Bella idea. Altrettanto bella, nel seguito dell’ammirato Regalo di Natale diretto da Avati nel 1986, l’idea di affidare a quel film, citato in ripetuti frammenti, l’evocazione del passato. Sono trascorsi diciassette anni. Tutti sono invecchiati (soltanto Diego Abatantuono è più attraente di allora, mentre Carlo Delle Piane è rimasto immutato), tutto è cambiato: Alessandro Haber lavora all’archivio della Cineteca di Bologna, Gianni Cavina fa il cameriere in un ristorante africano, George Eastman vive con un antiquario, Carlo Delle Piane fortunato commerciante resta anche un puro giocatore. Abatantuono si è riavuto dalla famosa partita di poker in cui gli altri lo avevano completamente spogliato, con l’aiuto del suocero è diventato un ricco esercente di cinema con venti locali: ma quella sconfitta rimane per lui un incubo, di quella truffa vuole vendicarsi, esige una rivincita. Così i protagonisti si ritrovano intorno al tavolo verde, diciassette anni dopo. Stessi personaggi, stessi interpreti, stessa notte natalizia. Stesso furore, moneta diversa per l’arrivo dell’euro, stesse ostilità, tensioni, diffidenze, antipatie, truffe. Piccole frasi laconiche scagliate come sassi, cifre, fiches, carte svolazzanti nella distribuzione, rilanci troppo alti. Fuori nevica, le vie di Bologna luccicano nel gelo, Natale sembra moltiplicare la solitudine, la malattia, i duri rapporti familiari, le malinconie. Se una partita cruciale di poker è sempre una resa dei conti con se stessi e con il passato, questa partita sempre conclusa e sempre riaperta avrà esiti sensazionali. L’accanimento per vittorie insensate, la tristezza degli animi, la scenografia solenne e insieme familiare di Bologna, l’amarezza della sconfitta, il senso di fine, la bravura degli interpreti diretti benissimo: solo elementi della qualità de La rivincita di Natale ».
Lietta Tornabuoni, la Stampa 28/01/2004 ©

Curiosità
Per la realizzazione del film è stata richiesta la consulenza del giocatore di poker Giovanni Bruzzi

Galleria Fotografica

0 commenti: