Il dono (Italia, 2003)

19:41 Marco 0 Comments

Altri titoli
-----

Durata: 80 min.
Colore: colore
Audio: sonoro
Genere: drammatico
Regia: Michelangelo Frammartino
Soggetto: Michelangelo Frammartino
Sceneggiatura: Michelangelo Frammartino
Fotografia: Mario Miccoli
Scenografia: Giuseppe Briglia, Ferdinando Ritorto, Nicola Ritorto
Montaggio: Michelangelo Frammartino
Costumi: Lucia Perin
Produzione: Santamira Produzioni, Cooperativa Ca.Ri.Na
Cast: Angelo Frammartino, Gabriella Maiolo, Valentino Audino, Pasquale Umbaca, Romilda Macrì, Maria Vozzo, Cesare Calipari, Ilario Lucano, Angelina Alvino, Giacomo Spanò, Teresa Ritorto, Vincenzo Vozzo, Maria Panetta, Vincenzo Niutta, Giuseppe Lobianco, Erminia Chiera

Premi e Riconoscimenti: Grand Prix d'Annecy Cinèma Italien 2003; Premio Alexander d'Argento al International Festival di Salonicco; in concorso al Festival di Locarno 2003; Premio Golden Reel Award come miglior film al Tiburon Film Festival 2004; Premio FIPRESCI allo Spalato Film Festival 2004; in concorso al Rotterdam Film Festival 2004; Premio "Casa Rossa" al Festival di Bellaria nel 2004; presentato agli Incontri Internazionali del Cinema di Sorrento nel 2003; Premio della Giuria al Festival del Cinema Indipendente di Foggia nel 2004;Premio menzione speciale al Festival del Film di Varsavia nel 2004
Votazioni della Critica: Morandini (?), Farinotti (?)
Incassi al botteghino: £ ---------

Location: Caulonia (RC)

Sinossi
-----------

Critica
« Girato in stretta economia, ma con una gran voglia di spendere idee e morale e una vitale fiducia nella trasmissione del pensiero cinematografica, 'Il dono' e uno dei casi del nuovo cinema italiano. Premiato ovunque da due anni, il film di Michelangelo Frammartino, 36enne architetto milanese, e un documento ma non un documentario esistenziale, la registrazione della normalita della vita in campagna. I rimandi vanno subito alla poetica virgiliana ma alzi la mano chi non pensa anche al magnifico cinema lirico intimista di Piavoli. I fatti li mettiamo insieme noi, attraverso sentimenti e sensibilita diverse. L'autore insiste che e la partecipazione dello spettatore a suggerire le storie, di cui vediamo frammenti, senza mai alcuna retorica: e un cinema della discrezione, del pudore, dei silenzi, una poetica gestita col rigore dell' amore verso il mezzo cinema e verso gli altri ».
Maurizio Porro, il Corriere della Sera 18/09/2004 ©

Curiosità
Il film è stato girato in 14 giorni con un budget di circa 5.000 euro.

Il film ha ricevuto il sostegno di Italia Cinema e di Rai Cinema.

Galleria Fotografica

0 commenti: